Santu Jacu: giorno 1

Da Sassari a Codrongianos 

Sveglia alle 6:30, mi preparo, metto via tutto nello zaino e poi preparo la colazione con quello che il B&B mette a disposizione, poi via finalmente in cammino.

Esco dalla città tra l’odore di caffè e brioces che esce da ogni bar, su una lunga strada in salita che dopo una leggera svolta e una  discesa torna a salire nel punto in cui finalmente lascio il traffico su una strada più piccola, passa solo un’auto ogni tanto, cammino tra ville e uliveti per almeno 3 km in santa pace.

Giro su un sentiero ripido e scosceso su pietra e sassi che mi porta giù in una vallata tra le rocce scavate dal tempo.

Procedo su una piccola stradina sempre su asfalto passando anche sotto ad un ponticello dove sopra passa la ferrovia, fino a quando arrivo ad una strada più grande leggermente in salita e abbastaza trafficata che mi porta ad Ossi dove mi fermo per una piccola pausa ed un caffè. Non fa eccessivamente caldo per ora e ogni tanto soffia il vento, quasi l’ideale per camminare.

Riparto salendo verso la chiesa e poi esco dal paese, attraverso Cargeghe, un piccolissimo paese ma ben tenuto e procedo su una lunga strada provinciale che si affaccia su un bel paesaggio collinare che dopo un’altra lunga ma dolce salita mi porta a Florinas, qui mi fermo ancora in un piccolo parco giochi a riposare mangiandomi anche una mela.


Da Florinas a Codrongianos, meta di oggi,  mi dividono solo altri 4 km. Chiamo la ragazza che si occupa del B&B che mi porta le chiavi, anche oggi non sono riuscito a usufruire dell’accoglienza convenzionata, quando ho chiamato ieri il padrone di casa non stava bene così ho preferito non disturbare e cercare altro, un’altro appartamentino sempre a 30 euro provvisto di tutto.

Mi lavo, mi rilasso e poi faccio un piccolo giretto in questo piccolo paese aspettando che il piccolissimo minimarket apra per fare una piccola spesa per sta sera.

Una prima tappa carina nonostante quasi tutta sull’asfalto, i segnali ci sono ma senza gps non so se riuscirei a non perderemi, in parecchi bivi non ne ho visti e sbagliare strada non è mai bello quando di km se ne devono percorrere 25/30, vediamo come procede più avanti. Altra nota negativa di oggi è che lungo la strada ho contato qualcosa come 4 o 5 fontanelle rotte, difficile così rifornirsi d’acqua.


N. Passi: 26651

Un nuovo cammino…

Son passati oramai 6 mesi dal mio ultimo cammino, passato l’inverno, finalmente è arrivato il momento per una nuova avventura. Avevo voglia di fare strade sconosciute, a me ma anche alla massa, un cammino diverso in una terra dove non ho mai messo piede, così dopo qualche valutazione ho deciso di puntare al Cammino di Santo Jacu in Sardegna.

Un cammino che propone 4 varianti: l’asse centrale da Porto Torres a Cagliari, il Sulcis più le isole, la variante est da Orosei a Olbia e in fine la ovest da Noragugume a Oristano. Io ho deciso per l’asse centrale da Nord fino a Sud.


Ho deciso di partire da Sassari per guadagnare un giorno in più da godermi nell’entroterra “sacrificando” la prima tappa da Porto Torres a Sassari appunto. Così ora, dopo un’ora circa di volo da Bergamo piu un’altra mezza di autobus sono arrivato a Sassari.

Oggi però non camminerò, non ne ho il tempo. Purtroppo l’accoglienza convenzionata, un B&B, era al completo è un’altro signore che a volte ospita pellegrini non era al momento disponibile, comunque per 30 euro ho trovato una sistemazione in un bell’appartamento nuovo e con tutti i confort, colazione compresa. Vado a procurarmi la credenziale, faccio uno spuntino e poi non mi rimane che fare il turista fino a sera.

Domani inizia questo mio nuovo cammino quindi a letto presto, non so cosa mi aspetta, non ho “studiato” molto percorsi e tappe. Una volta che avrò trovato da dormire la sera per il resto voglio prendermela con più calma possibile.

Con calma ma comunque con una scadenza, sarebbe bello mettersi in cammino senza una data di arrivo certa ma prenotare un volo all’ultimo momento fa la differenza tra pagare 40 euro o 140 euro o anche di più.

Ovviamente non sono partito proprio alla ceca, ho preso qualche appunto dalla pagina Facebook Amici del cammino di Santu Jacu e dal sito Camminando.eu Le tracce gps ad esempio e un breve descrittivo con qualche accoglienza convenzionata.

Spero solo di riuscirci davvero a prendermela con calma perché quando sono in giro da solo tendo a fermarmi poco ed a tenere un ritmo sostenuto. Vedremo….