Via Francigena giorno 17

Da San Giminiano a Abbadia Isola

Sveglia presto e partenza verso le 6:30, anche oggi in compagnia di Giuseppe. Il bar del campeggio è ancora chiuso così ci incamminiamo tra la nebbia. Sono già 3 giorni che puntualmente nel primo pomeriggio arriva un temporale e il giorno dopo c’è foschia.

Subito dopo il campeggio la via riprende su sentieri tra campi e vigneti, c’è un po’ di fango a volte e ovviamente l’erba è bagnata. Attraversiamo anche un paio di ruscelli per fortuna camminando sui sassi senza doverci bagnare. Dopo qualche km troviamo un bivio, a sinistra la Francigena fa una variante che porta a Colle Val d’elsa, a destra prosegue sul tracciato ufficiale. Noi prendiamo a destra ma poco dopo dobbiamo fare un’alta scelta, continuare sulla Francigena a stomaco vuoto o deviare salendo su per dei tornanti fino ad arrivare a Campiglia di Foci e fare finalmente colazione? Anche se non ho tanta voglia di allungare il cammino decidiamo di andare al bar, anche perché Giuseppe è partito senza fare il pieno di acqua.

Una volta fatta colazione e preso un panino per il pranzo, cerco un’alternativa al tornare indietro e scopro che proseguendo per un altro paio di km sulla strada su cui si trova il bar, ci ricongiungiamo alla variante per Colle Val d’elsa. Ad un certo punto ci troviamo davanti le porte della città e dietro ad esse un antico borgo, che prima scende e poi risale verso il Duomo. Il paese è molto bello ed a giorni ci sarà una sagra chiamata “della miseria” dedicata alla riscoperta dei piatti poveri dei nostri nonni. E qui mi torna in mente il ricco minestrone che avevo mangiato a ValPromaro.

Usciamo dalla città scendendo una vecchia rampa e percorriamo su marciapiedi un pezzo della statale che poi deviando a sinistra conduce alla periferia, una salita e poi arriviamo su una lunga strada bianca dove incrociamo anche qualche ciclista. La variante in fondo a questa strada si ricongiunge al percorso ufficiale. Qualche km di asfalto e poi una breve salita che ci fa attraversare il piccolo e carino paese di Castel Petraia.

Ancora una lunga discesa su strada bianca e arriviamo a Abbadia Isola, dove dentro ad un bar troviamo anche il responsabile dell’ostello comunale. Una grande e spaziosa cascina da poco ristrutturata, molto grande rispetto ai posti in cui sono stato fino ad ora, peccato solo per qualche mosca e formica di troppo.
Ora non mi resta che aspettare che passi il solito temporale per fare un salto al bar e poi a vedere se c’è una farmacia. Ma il paese mi da l’impressione di essere tutto qui.
Infatti.

N.Passi: 21970

Via Francigena giorno 16

Da Gambassi terme a San Giminiano

Parto verso le 7:30 e dall’ostello prendo la salita che arriva in città, i segnali della Francigena mi fanno praticamente fare il giro del centro per poi discendere quasi dalla stessa parte e poi infilarmi in una lunga e polverosa strada bianca che passa tra i vigneti del Chianti. Qui trovo Giuseppe, che ho conosciuto a San Miniato e procediamo assieme.

Quando lo sterrato termina prende per dei sentieri tra i campi e poi arriva su una strada asfaltata che passa sotto ad una chiesa che le fa proprio da ponte, continua con una salita tra gli ulivi e poi devia a destra su una strada sterrata che sale fino alla Pieve di Santa Maria Cellole.


Facciamo una breve visita e poi scendiamo fino alla strada asfaltata che porta su fino a San Giminiano .

Andiamo prima a cercare ospitalità al monastero S. Agostino ma ci viene detto che al momento non possono più ospitare pellegrini, quindi ci incamminiamo per il camping che si trova 2 km fuori città. A parte la scomodità dell’essere lontani dal centro il campeggio con solo 10 euro offre una casa mobile da 3 posti con bagno, lenzuola e frigo, tutto nuovo, mica male!

Essendo appena le 12 però dopo una doccia prendiamo la navetta che ci porta in centro, oggi faccio un po’ il turista. Tra l’altro la tendinite alla caviglia sinistra sembra migliorare.

IMG_2405

IMG_2414

Domani ho deciso di fermarmi prima di Monteriggioni per accorciare un po’ una tappa lunga e allungare quella successiva che dovrebbe essere di 20 km.

N.Passi: 23295


Via Francigena giorno 15

Da San Miniato a Gambassi terme

Parto ancora in compagnia di Enrico, anche se non è molto salutare per le gambe. Non c’è nemmeno molto da raccontare della tappa nonostante sia la più bella fino ad ora.
La tappa è tutta collinare e a parte i primi km su asfalto poi diventa strada bianca, sterrato e la parte più bella, un sentiero immerso nelle colline.

Il panorama è fantastico e sul tragitto incrociamo molti altri pellegrini, solo oggi ne ho visti più di quanti ne ho incontrati da quando sono partito.

A 5 o 6 km dalla fine della tappa la strada prima scende e poi risale con una ripida strada polverosa fino ad un ultimo pezzo di asfalto per Gambassi Terme

Sta sera dormiamo in un ostello dove la volontaria di turno ci ha detto che saremo in 30, però quanti di questi sono pellegrini non si capisce bene, molti arrivano in auto. Boh…
Domani tappa corta fino a San Giminiano, sarà spero una tappa di riposo per poi, salvo qualche variante, percorrerne una da 31 km fino a Monteriggioni.

N. passi: 24274


Via Francigena giorno 14

Da Altopascio a San Miniato

Dopo la “ricchissima” colazione compresa nel prezzo a base di caffè lungo e una brioche mi metto in cammino e subito vedo dietro di me una coppia di pellegrini, li saluto mi giro e in lontananza ne vedo altri 2. In fondo alla via dell’albergo la Francigena passa sullo sterrato e poi su un sentiero tra gli alberi. Finalmente poco asfalto forse.
La via prosegue sopratutto su sentieri poi arriva ad un tratto del tracciato storico recuperato.

Passa per un piccolo paese dove sento già odore di cibo e mi sale la fame, poi torna su sentieri semplici fino ad una breve salita che porta su una pineta in collina dove la strada è molto ma molto fangosa.

Non so se il tratto supera il km ma in queste condizioni sembra non finire più. Quando finalmente termina il fango la strada ridiscende, dopo un pezzo di asfalto e ancora un po’ di sentiero, arrivo sul lungo argine di un fiume e quando l’ho percorso tutto, dopo qualche altro tratto su erba, arrivo a Fucecchio.

Taglio per la città, faccio uno spuntino e poco fuori verso la periferia ritrovo Enrico, il signore italiano che la sta facendo da Canterbury e gli faccio compagnia per il resto della giornata.
Anche se per tenere il suo passo sforzo un po’ la caviglia, la seconda parte della tappa mi passa più in fretta. Una bella salita tra asfalto e sentieri e arriviamo a San Miniato Alto, dove scopro che la città che non conoscevo nemmeno per sentito dire è veramente bella. Approfittiamo per qualche foto prima di prendere la ripida discesa che ci porta all’ostello.
Questa sera saremo in 12.

Incomincio già a fare fatica anche a scrivere questi resoconti della giornata, oramai confondo giorni, attimi e luoghi e spesso ci metto un po’ a collocarli nella sequenza corretta ed aggiungiamoci anche che non sono di certo un gran narratore. E sono in cammino da solo 2 settimane!

N.passi: 38780


Via Francigena giorno 13

Da Valpromaro a Altopascio

Ieri sera ho passato una piacevolissima serata in compagnia di due pellegrini francesi, uno italiano che da Carterbury è in giro oramai da due mesi e un ragazzo da Rotterdam, più i due Ospitalieri volontari che sono di turno per le prossime due settimane, Luca un ragazzo che ha già fatto Francigena del sud, del nord e due o tre cammini spagnoli. E Rosa da Santo Domingo, una simpaticissima sinora pellegrina che la sera ci ha preparato anche una zuppa da resuscitare i morti.

Con Luca dopo cena ho anche tirato un po’ tardi al bar davanti ad un paio di birrette, ma sarebbe stato un peccato non farci una chiacchierata e poi mi ha dato anche dei consigli utili per il mio cammino e per prendermi cura dei miei dolori.
Sta mattina dopo una allegra colazione e i saluti ci siamo messi uno alla volta tutti in cammino, poco fuori Valpromaro la via sale subito in collina su strada per poi, dopo aver attraversato un piccolo paese, scendere attraverso un sentiero un po’ impervio. Ah, ovviamente anche oggi piove! Arrivato in fondo incomincia la luuuunga parte di strada che porta fino ad un paesino che si chiama Ponte San Pietro, omonimo di un paese delle mie parti. Mi fermo un attimo per tagliare la calza sinistra all’altezza dell’elastico di modo da farla premere di meno sulla caviglia gonfia, così va un po’ meglio.

Dopo di che prendo una pista ciclo pedonale che affianca il fiume Serchio, così per 3 km fino ad arrivare in “via tiro a segno” il che spiega perché continuavo a sentire, nemmeno tanto lontano, delle fucilate. Poi da lì arrivo alla strada che entra a Lucca. Attraverso la porta tra le antiche mura e taglio tutta la città sulla via centrale, non ho voglia di fermarmi, piove e c’è troppa gente ed io tra poncho e bastoni non sono proprio il massimo della comodità per fare il turista, senza contare i vari dolori che mi fanno un po’ passare la voglia di km in più. Visto che l’altra unica volta che ci sono stato era durante un’edizione del Lucca Comics ed ovviamente della città non ho visto niente, prima o poi dovrò tornare.

Fuori Lucca mi fermo un attimo per uno spuntino a base di pizza e intanto finalmente smette di piovere. Quando mi rimetto in strada la Francigena devia lontano dal traffico su una strada secondaria e poco trafficata, attraverso la statale e dopo 6 km arrivo a Capannori, seguendo una pista pedonale che pare fare zig zag per il paese. Altri 6 km di strade piccole e quasi deserte e girando dietro un supermercato arrivo ad uno sterrato che una volta percorso e tornato asfalto passa affianco ad una chiesa diroccata in fase forse di ristrutturazione.
Seguo un marciapiede che continua e continua e continua fino ad arrivare ad Altopascio. Gli ultimi km sembrano sempre interminabili, specialmente quando hai problemi fisici.

Passo dietro alla chiesa e vicino all’ostello per vedere se posso timbrare la credenziale anche se essendo già tutto occupato non ci potrò sostare sta notte, ma è tutto chiuso quindi proseguo per l’albergo che ieri in mancanza d’altro ho prenotato. Pazienza, anche se mi scoccia un po’ spendere 40 euro quando la sera prima con una semplice donazione mi sono sentito quasi come a casa. Per non rischiare nel pomeriggio ho chiamato sia l’ostello per domani e quello per dopodomani.
Comunque giusto per avere un segno della tappa, faccio timbrare la credenziale col timbro dell’hotel.

N.Passi: 40014


Via Francigena giorno 12

Da Pietrasanta a Valpromaro

Ieri pomeriggio ho letto che appena fuori città era consigliabile una deviazione per evitare un sentiero in salita rovinato dalla pioggia, poi l’arrivo del sole mi aveva fatto sperare in bene. Mai invece piove anche oggi, quindi al punto dove si dovrebbe girare salendo, tiro dritto.

Dopo qualche centinaio di metri mi giro per controllare il traffico e intravedo Simon, dice che mi ha visto andare dritto e di aver pensato che avessi una buona ragione, così mostrandogli il tracciato sul telefono gli spiego il perché. Una volta poi tornati sulla Francigena ci salutiamo, lui riprende col suo passo perché deve farne 34 oggi per andare a Lucca, io solo 18 fino a Valpromaro.

La via scende prima e poi prosegue su piccole strade poco trafficate, una pista ciclabile che alla fine trovo un po’ allagata e che, dopo aver attraversato una statale, continua sull’argine di un canale artificiale.

img_2297Attraverso la città di Camaiore mentre c’è il mercato e trovo anche un’azienda vinicola che offre un bicchiere e una bruschetta gratis a tutti i pellegrini, però è troppo presto e non ne ho tanta voglia.

Continuo percorrendo il lato pedonale della strada che porta fuori città e poi imbocco un sentiero cercando di evitare il più possibile le pozzanghere ma oramai i piedi anche oggi sono fradici. Non mi dispiacerebbe fare una piccola pausa e mangiarmi una mela ma non trovo un riparo asciutto quindi niente. Percorro un tratto su asfalto e poi ancora un sentiero fino ad una chiesa dove giro e faccio una lunga salita. Passo la collina e incomincio la discesa verso Valpromaro, l’ostello è subito all’entrata del paese.

img_2303Oramai ogni giorno arrivo a destinazione con la gamba visibilmente gonfia all’altezza della tibia, per fortuna qui la farmacia è praticamente di fronte all’ostello, così attraverso la strada e mi faccio dare un anti infiammatorio più forte di quello che sto usando che fino ad ora non ha dato grandi effetti.

N.Passi: 20031

Via Francigena giorno 11

Da Avenza a Pietrasanta

Le previsioni danno temporali, però per ora non sta piovendo. Vado subito al bar per la colazione offerta gentilmente dal Don e poi parto, con il solito dolore alla tibia sinistra che mi accompagna. Viste le previsioni e i dolori decido per la scorciatoia su strada che in 18 km mi porterà a Pietrasanta invece dei 28 sempre su asfalto che prevede il tracciato della Francigena.

Passo attraverso gli stabilimenti per la lavorazione del marmo che qui sono praticamente quello che porta avanti l’economia, fino a quando mi viene la malsana idea di deviare verso il mare, già che ci sono perché non farmi tutta la costa sul morbido bagnasciuga di una spiaggia. Sono almeno 4 km in più da percorrere per raggiungerlo.

Una volta sulla costa capisco che forse l’idea del mare che mi ero fatto qui non era proprio giusta. La costa è completamente cannibalizzata dalle strutture turistiche e dal “lungomare” la spiaggia e le onde quasi nemmeno si vedono, tutto coperto dalle pareti di ristoranti e negozi. Molti dei passaggi per raggiungere il mare sono chiusi tanto che ci sono dei segnali messi dal comune per indicare dove si può girare per la spiaggia. Peccato che anche dopo che ci si è arrivati alla spiaggia si riesce a percorrerla per un centinaio di metri prima che qualche barriera ti obblighi a tornare sull’asfalto, sempre trovando un’uscita aperta. Non so come si possa voler fare delle vacanze in un posto simile.

Va beh, insomma pessima idea quella del mare quindi mi sposto sulla ciclabile dall’altro lato della strada che segue tutta la costa, fino a quando trovo una deviazione che mi porta più nell’entroterra ed in fine dopo 24 km trascorsi, a Pietrasanta. Tanto valeva fare la Francigena.
L’ultimo tratto di strada lo faccio sul percorso difatti a lato, sull’asfalto trovo anche disegnati dei pellegrini.

img_2276Entro in città percorrendo la strada che dritta porta alla piazza del Duomo, faccio uno spuntino e poi salgo la breve salita che porta all’ostello.

img_2287

img_2282

Pazienza, almeno non ha piovuto ed è addirittura uscito un po’ di sole, così al mio arrivo all’ostello sono riuscito anche a fare il bucato che dopo 4 giorni era veramente d’obbligo.

N.Passi: 35532

Via Francigena giorno 10

Da Aulla a Avenza 

Quarto giorno di tempo pessimo ed io comincio ad essere un po’ demoralizzato. Sono partito per vedere i bei paesaggi Italiani ma per ora sto passando più tempo sulle statali cercando di evitare di ritrovarmi coperto di fango. Sono anche 4 giorni che non lavo i vestiti ,visto che non riuscirebbero ad asciugare. E per finire ho dolori un po’ ovunque dalle ginocchia in giù.

img_2259Metto il poncho e faccio i primi 9 km sulla statale evitando i sentieri collinari ma non sono per niente tranquillo con tutte le auto che mi sfrecciano accanto, procedo così fino a prima di Sarzana dove trovo un Decathlon, decido di comperare il sacco lenzuolo così poi a fine tappa potrò rispedire a casa il sacco a pelo.

Arrivo a Sarzana ancora sotto la pioggia, anzi non appena entro in città comincia anche un acquazzone così mi riparo sotto ad un balcone. Sotto il portone di una chiesa vicino a me sta facendo la stessa cosa anche Simon, lui da buon Inglese nemmeno si ripara più di tanto dalla pioggia, giusto lo zaino. Quando la pioggia diminuisce riparto, non senza prima avermi fatto preparare una focaccia con la mortadella in un piccolo negozio sulla strada. La città sarebbe anche bella da visitare se ci fosse bel tempo e se non avessi ancora 16 km da fare.

img_2260Da qui in poi riprendo il tracciato della Francigena che continua salendo prima verso un fortino poi riscende proseguendo tra piccoli paesi su una piccola strada asfaltata. Mi fermerei volentieri per riposare le gambe che ogni tanto mi lanciano delle fitte di dolore, ma non trovo un riparo nemmeno a pagarlo.

Il cammino di oggi continua così, sotto una pioggia incessante, lento e dolorante, fino ad arrivare ad Avenza. Tra un acquazzone e l’altro riesco ad andare in posta a spedire il sacco a pelo, poi torno subito a riposare fino all’ora di cena.

img_2261Nota curiosa di oggi, ad un certo punto fuori da una casa qualsiasi, trovo un libretto con la sua penna dove chi vuole può lasciare scritto il proprio nome e provenienza.

img_2257
Domani le previsioni danno addirittura temporale…..


N. Passi: 38783


Via Francigena giorno 9

Da Pontremoli a Aulla

Anche per oggi vale il discorso di ieri, c’è una pioggerellina che va e viene continuamente quindi vado per strade asfaltate. Se non altro accorcerò un po’ perché il percorso tra sentieri va a zig zag e  richiede almeno 4 o 5 km in più.

Seguo un po’ il percorso ma quando devia per lo sterrato io rimango sulla statale, a pensarci bene facevo prima a seguire la ciclovia che dalla città usciva dall’altro lato del fiume continuando più o meno a costeggiarlo.
Raggiungo la Pieve di Sorano dove faccio una breve sosta approfittando delle panchine, vicino c’è anche un bell’info point aperto anche oggi che è martedì.


Proseguo con questa tappa che non mi sta entusiasmando molto, tra l’altro stanno incominciando a farmi male entrambe le gambe.

Fino a Villafranca procedo sopratutto sulla statale, poi attraverso il ponte sul fiume Magra che mi porta sulla ciclovia che sale un po’ e poi continua con una stretta strada tra gli alberi fino al castello di Lusuolo, passo il piccolissimo borgo che sembra fermo nel tempo, le poche case alle porte del castello sono ancora abitate e tenute benissimo.

Appena dopo torno a scendere velocemente ed incomincio a costeggiare l’autostrada fino a Barbarasco, qui mi fermo per il pranzo e per far riposare le gambe, anche giusto in tempo per evitare un’acquazzone.

Quando riprendo oramai mancano meno di 4 km, passo sul cavalcavia che attraversa l’autostrada e poi il ponte sul Magra e arrivo finalmente ad Aulla. Dopo la doccia e un attimo di relax vado a cercare il negozio di articoli sportivi che Google mi ha segnalato qui vicino, se riesco a prendere un sacco lenzuolo rispedisco a casa il sacco a pelo che ingombra e pesa ma sopratutto è quasi inutile. Gli ostelli hanno tutti almeno una coperta da offrire.  Ma niente il negozio a quanto pare non esiste più.

Stasera all’ostello assieme a due signori francesi e due italiani, tutti ciclisti, ho ritrovato anche Simon, il signore inglese con cui avevo attraversato il Po, se ho capito bene si è fermato un giorno in più per riposare mentre il suo compagno di viaggio francese ha continuato il cammino.

 

N.Passi: 31855


Via Francigena giorno 8

Da Passo della Cisa a Pontremoli

Parto alle 8:00 circa, la tappa è corta e quasi tutta in discesa e sulla carta dovrebbe essere facile, almeno se non avessi la caviglia dolorante. Comunque anche oggi seguo la statale percorrendo la ciclovia, con tutta la pioggia che è caduta ieri i sentieri saranno ancora disastrati ed io devo camminare ancora 3 settimane, inutile andare a cercarsi le difficoltà percorrendo salite o discese scivolose e ricoprire le scarpe di fango, se posso evitarlo. In più ogni tanto pioviggina, c’è vento e le nuvole basse sulla strada.
Mi spiace perdermi alcuni borghi segnalati sull’altra via ma come ho detto, devo pensare a lungo termine, 21 giorni sono ancora tanti.

img_2201Dopo 2 km dall’ostello arrivo al famoso Passo della Cisa, ma con sto tempo c’è poco da vedere quindi mi limito ad una foto davanti al cartello per immortalare il mio arrivo.

img_2217
Inutile anche salire sulla chiesetta per guardarmi attorno.

img_2219La discesa è ovviamente lunga e silenziosa, ogni tanto incrocio un’auto ma per il resto si sentono solo in lontananza i rumori dell’autostrada, che solo molto più giù quando la foschia diminuisce riesco a vedere. Così come più tardi si vede Pontremoli da lontano .

img_2221Prima di entrare in città mi fermo in una trattoria visto che è mezzogiorno e dovrò comunque tirare le 15 per andare all’ostello di sta notte. Con appena 10 euro mangio e bevo e scopro l’esistenza dei “testaroli”, antico piatto della zona Lunigiana.

Cosa sono i Testaroli

Quando riparto il vento che mi accompagna da sta mattina non si è ancora calmato, ogni tanto il sole fa finta di uscire ma è un attimo e viene ricoperto dalle nuvole.
Entro a Pontremoli passando sotto un arco che fa da porta all’antica parte medioevale della città, proseguendo arrivo nella piazza Centrale passando davanti al Duomo, ancora presto per poterlo visitare, intanto però scopro i segnali per un’altra via, quella degli Abati.Faccio un giro per tirare le 15:30 così da poter approfittare della farmacia poi vado all’ostello.

img_2222

img_2226
Un vero e proprio hotel praticamente, ad accogliermi delle signore e dopo avermi registrato una di loro mi accompagna mostrandomi la strada per la mia camera.
Finalmente oggi oltre che al ghiaccio potrò prendere l’anti infiammatorio, non mi farà passare il dolore entro domani, ma è già un inizio. Sperando che domani ci sia bel tempo perché sarà lunga.

N.Passi: 26507